Please use this identifier to cite or link to this item:https://hdl.handle.net/20.500.12259/57195
Type of publication: Straipsnis kituose recenzuojamuose leidiniuose / Article in other peer-reviewed editions (S5)
Field of Science: Istorija ir archeologija / History and archeology (H005)
Author(s): Miklaševič, Irena
Title: I tentativi di utilizzare il fattore etnico nella politica delle autorità sovietiche nei confronti della Chiesa cattolica in Lituania negli anni 1944-1990 / traduzione dal polacco di Paweł Wójcik
Is part of: La Chiesa cattolica in Unione Sovietica. Dalla Rivoluzione del 1917 alla Perestrojka / a cura di J. Mikrut. Verona : Il Segno dei Gabrielli editori, 2017
Extent: p. 827-840
Date: 2017
Keywords: Katalikų Bažnyčia Lietuvoje;1944-1990 metai;Stačiatikių bažnyčia;Chiesa cattolica in Lituania;1944-1990 anni;Chiesa ortodossa
ISBN: 9788860993557
Abstract: La fine della Seconda guerra mondiale non fu per la Lituania e per i vicini Stati baltici, la Lettonia e l’Estonia, un soffio di libertà, bensì il ritorno sotto la dominazione del pericoloso vicino, l’URSS, all’“abbraccio fraterno” che i paesi baltici avevano già sperimentato negli anni 1940-1941. L’ideologia del marxismo- leninismo, vigente in URSS, si ripercosse su tutti i campi della vita sociale, inclusa quella religiosa. La Chiesa cattolica, alla quale in Lituania apparteneva oltre l’80% della popolazione, fu dichiarata uno dei più grandi nemici del sistema sovietico. La Lituania era l’unica tra le Repubbliche sovietiche in cui dominavano i cattolici. Nonostante nell’immediato dopoguerra in Lituania operassero forti truppe di guerriglia antisovietica, le autorità indicarono la Chiesa cattolica come il principale nemico da combattere. La Chiesa godeva di una grande autorità e rispetto nella società, in più il suo legame con il Vaticano costituiva un ostacolo per i governanti sovietici nella realizzazione del piano della sottomissione della Chiesa lituana ai propri interessi. La lotta per il “governo delle anime” durò fino alla caduta del sistema comunista e della dissoluzione dell’URSS nel 1990. A questa battaglia furono applicati diversi metodi: nel periodo staliniano su 1.200 sacerdoti, che svolgevano il servizio pastorale nel 1944, furono perseguitati oltre 360, furono arrestati i vescovi, in libertà rimase uno solo e soltanto per il motivo di mantenere la “specificità” della Chiesa, cioè la continuità di alcuni riti riservati al vescovo, come per esempio l’ordinazione sacerdotale.[...]
Internet: https://hdl.handle.net/20.500.12259/57195
Affiliation(s): Užsienio kalbų institutas
Vytauto Didžiojo universitetas
Appears in Collections:Universiteto mokslo publikacijos / University Research Publications

Files in This Item:
marc.xml6.34 kBXMLView/Open

MARC21 XML metadata

Show full item record

Page view(s)

128
checked on Dec 8, 2019

Download(s)

12
checked on Dec 8, 2019

Google ScholarTM

Check

Altmetric


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.